Il mercato sta dimostrando che il Bitcoin è „l’ultimo rifugio sicuro“ – Anthony Pompliano

La Bitcoin ha ancora una volta una correlazione zero con le azioni e i critici hanno sbagliato a dubitare del suo status di rifugio sicuro, dice il co-fondatore della Morgan Creek Digital.

Bitcoin (BTC) „non potrebbe essere più non correlato“ con il mercato azionario, dice Anthony Pompliano, poiché i dati mostrano che BTC si sta lasciando alle spalle le macro attività.

In una serie di tweet del 26 ottobre, il co-fondatore della Morgan Creek Digital, noto anche come „Pomp“, ha preso a cuore le critiche per le loro accuse secondo cui il Bitcoin sarebbe stato un povero magazzino di valore.

Pomp sul porto sicuro Bitcoin: „Il mercato lo sta dimostrando“

Pompliano ha caricato un grafico dalla piattaforma di analisi del comportamento Santiment, che mostrava Bitcoin a 0 per una correlazione di 30 giorni con l’S&P 500.

„Non potrebbe essere più non correlato di quanto lo sia ora“, ha aggiunto nei commenti.

Proseguendo, Pompliano ha evidenziato che Bitcoin ha battuto i rendimenti dei macro asset dopo il crash del Coronavirus nel marzo di quest’anno.

„Allora, come è andato il Bitcoin durante la crisi economica? Ha sovraperformato le azioni, le obbligazioni, l’oro, il petrolio e praticamente tutto il resto. Ha anche una bassa o nulla correlazione su un qualsiasi lasso di tempo materiale“, ha riassunto.

„Il Bitcoin è il rifugio sicuro per eccellenza e il mercato lo sta dimostrando“.

Circolando 13.150 dollari, BTC/USD ha offerto agli investitori rendimenti anno su anno dell’83%, contro il 24% per l’oro e il 6% per l’S&P 500, dati provenienti dalla risorsa di monitoraggio a catena Skew confermano.

Per Pompliano, la precedente correlazione tra Bitcoin e questi asset era solo un fenomeno a breve termine indotto dagli eventi di marzo.

„Durante le crisi di liquidità, tutte le correlazioni di asset tendono a 1. Questa era una cosa temporanea ed è successo all’oro, alle azioni, ecc.

Non c’è più alcuna correlazione?

Come ha riferito il Cointelegraph, si sta costruendo un consenso sul fatto che la Bitcoin non solo sta abbandonando la sua correlazione con gli stock e altri, ma che questo sarà uno spartiacque definitivo che non verrà invertito.

Tra coloro che promuovono l’idea c’è Willy Woo, lo statistico e creatore della risorsa dati Woobull, che continua a raddoppiare il Bitcoin colpendo il Bitcoin da solo il prima possibile.

„Il disaccoppiamento è alle porte“, ha twittato la settimana scorsa.

„Ha senso che BTC continuerà ad essere correlata nel trading a breve termine; ma non nei tempi più lunghi. BTC è un rifugio sicuro, solo che il „risk-on“ (che significa che è molto nuovo) sta distorcendo questo fatto“.